Quote e pronostico semifinale Confederations Cup: Brasile – Uruguay

1 pessimo2 insufficiente3 sufficiente4 buono5 ottimo (nessun voto)

brasile-giappone-confederations-cup-2013La Confederations Cup riparte con la prima semifinale che vedrà l’anfitrione Brasile scontrarsi con un acerrimo rivale come l’Uruguay. Il 26 Giugno alle 21.00 assisteremo a un classico sudamericano e sicuramente molti appassionati di calcio ricorderanno la finale del 1950 dove l’Uruguay soffió la Coppa del mondo alla Canarinha battendola per 2-1 tra le mura amiche.
Lo scenario e la posta in palio non saranno certo gli stessi visto che si giocherà a Belo Horizonte per accedere alla finale della Confederations Cup, ma il ricordo del famoso “Maracanazo” accenderà le motivazioni e la rivalità delle due compagini.

Cliccaqui per giocarti il bonus che offre Paddy Power.it!.

La goleada per 8-0 contro Tahitì non deve ingannare. L’Uruguay, pur avendo travolto la squadra della piccola isola polinesiana facendo un buon turn over, non sembra avere le caratteristiche e la mentalità giusta per eliminare un Brasile che migliora di partita in partita e che avrà dalla sua parte tutta la nazione.

Partiamo dal fatto che il Brasile è riuscito a vincere contro le big del Gruppo A (Italia e Messico) con due gol di scarto, mentre l’Uruguay ha perso con la Spagna e vinto a fatica contro la Nigeria.

La squadra di Tabarez non è al meglio della condizione. I campioni della Coppa America, infatti, sono giunti alla Confederations Cup dopo aver disputato una delle peggiori qualificazioni al mondiale degli ultimi anni e solo un miracolo potrebbe far si che risalgano dalla sesta posizione in classifica.

Il Brasile di Scolari possiede un buon equilibrio fra i reparti e un gran trascinatore come Neymar che fino ad ora ha creato gioco e realizzato gol di pregevole fattura. La Celeste è una squadra che può puntare solo sul suo reparto offensivo, peccato che la sua stella Cavani brilli piú nelle riviste di calciomercato che in campo ultimamente. Suarez, sebbene sempre ispirato e concentrato, viene spesso lasciato solo e i quattro gol di Abel Hernandez contro Tahitì non fanno testo dato che la difesa della squadra polinesiana non annovera neanche un professionista.

Cliccaqui per giocarti il bonus che offre Paddy Power.it!.

Arrivati a questo punto della competizione possiamo appurare che il Brasile di Scolari ha vinto e convinto fino ad ora. Tabarez avrà molto da lavorare e poco tempo a disposizione per provare a fermare la Canarinha e forse non è un segreto che l’Uruguay ha spesso adottato concetti e tattiche all’italiana per difendere e giocare sulle ripartenze. Sarà l’unico modo per fermare il Brasile di Scolari o il “Maestro” sorprenderà con qualche innovazione?

Categorie:Archivio

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*