Differenze tra Betting Exchange e Scommesse

1 pessimo2 insufficiente3 sufficiente4 buono5 ottimo (1 voti, media: 5,00 su 5)

Betting Exchange vs Sportsbook : quali differenze ci sono ?

Senza addentrarci troppo nella descrizione del Betting Exchange e di come funziona, la prima domanda che un giocatore si pone quando sente parlare del punta e banca nella maggior parte dei casi è : cosa cambia rispetto alle scommesse normali ?

>>> Se non sai cos’è il Betting Exchange ti consigliamo di leggere il nostro articolo cliccando qui.

Punta e Banca

La prima differenza che salta subito agli occhi quando ci si approccia al betting exchange sta certamente nella possibilità di scelta per il giocatore tra il puntare ed il bancare.

Se scegliamo di puntare, dal nostro punto di vista non cambia nulla rispetto ad una scommessa tradizionale.

Se al contrario opteremo per bancare la scommessa, ecco che il nostro ruolo sarà molto simile a quello del bookmaker nelle scommesse sportive.

Perchè nel Betting Exchange sono tre i soggetti interessati ?

Nel meccanismo di funzionamento classico delle scommesse sportive e non solo, la sfida avviene sempre tra il soggetto che effettua la puntata ed il bookmaker, che la raccoglie ed in caso di vincita corrisponde al giocatore quanto realizzato in base alla quota giocata.

Nel Betting exchange invece il ruolo del bookmaker cambia, e da parte in gioco si defila al ruolo che possiamo definire di arbitro della sfida, che avviene tra il giocatore che decide di puntare ed un altro giocatore che invece decide di bancare. E’ quindi una sfida tra due giocatori in carne ed ossa e non tra un giocatore ed un software.

Nelle scommesse classiche quindi i soggetti in gioco sono due, mentre nell’exchange abbiamo tre soggetti interessati.

Limiti di scelta del betting exchange

Essendo la scommessa finale il frutto dell’incontro tra due volontà, quella di chi punta e quella di chi banca, non è possibile effettuare trading di scommesse multiple.

La caratteristica tipica del betting exchange infatti è che questo si può effettuare solamente con le scommesse singole. Ovviamente è una limitazione (anche abbastanza pesante a voler vedere) rispetto alle numerosissime chance fornite dai sistemi tradizionali.

Altra differenza va ravvisata nella minore varietà di scelta degli eventi su cui scommettere. A livello teorico, con il betting exchange è possibile scommettere con qualsiasi tipologia di scommessa, ma all’atto pratico occorre che la giocata possa essere abbinata altrimenti non può perfezionarsi.

Stesso discorso anche per quanto riguarda gli eventi selezionabili : ovviamente la varietà proposta dalle scommesse tradizionali non è nemmeno lontanamente paragonabile alle possibilità di scelta delle quote betting exchange.

>>> Betfair è stato il primo bookmaker a lanciare il Betting Exchange. Per avere maggiori informazioni su Betfair Exchange clicca qui.

Tempo per conoscere il betting exchange

Questa non può essere considerata come una differenza assoluta perchè ovviamente varia da soggetto a soggetto. Generalmente però possiamo affermare che imparare le dinamiche del Betting Exchange richiede un tempo leggermente superiore rispetto alle scommesse tradizionali.

Questo avviene in primis perchè il trading è comunque una categoria “di nicchia” rispetto alle scommesse online, quindi con un pubblico al momento di molto inferiore e di conseguenza con una minore possibilità di confronto diretto con altri utenti.

Molto più semplicemente però, il punta e banca richiede un po’ di tempo perchè cambia la prospettiva dal punto di vista del giocatore, che deve in un certo qual modo resettare il suo approccio rispetto alle scommesse classiche per calarsi al meglio nei meccanismi di funzionamento di questa interessante modalità.

Questo non significa però che l’exchange sia una modalità preclusa ai neofiti o che chi si approccia per la prima volta alle scommesse non possa iniziare da subito con l’exchange. Bisogna solo mettere in conto che per imparare al meglio sarà necessario dedicarvi un po’ di tempo.

Si guadagna di più con il Betting Exchange ?

Anche in questo caso non esiste una risposta definitiva. Anzitutto come ben sappiamo, il fatto di guadagnare o meno con le scommesse sportive dipende in primo luogo dalle nostre abilità e dalla nostra costanza e non certamente dal tipo di giocate.

Come ben sappiamo, è possibile diventare uno scommettitore professionista e guadagnare con le scommesse, ma non c’è un sistema in assoluto migliore degli altri per guadagnare.

Lo stesso quindi possiamo dire nel confronto tra Exchange e Sportsbook. Conta la preparazione : un bravo trader al pari di un bravo scommettitore tradizionale avrà maggiori probabilità di ottenere successo con le scommesse rispetto ad un giocatore improvvisato.

Un dato di fatto che riteniamo utile riportare è il numero sempre maggiore di scommettitori professionisti che abbandonano le giocate tradizionali per passare al betting exchange.

>>> In Italia uno dei pochi bookmaker che comprende nella propria offerta una piattaforma per il Betting Exchange è Betflag. Per avere maggiori informazioni sull’offerta Betflag Exchange clicca qui.

Betting Exchange vs Bookmaker : chi è meglio ?

Nel titolo abbiamo volutamente abusato del termine bookmaker per riferirci ovviamente al mondo generico delle scommesse tradizionali.

Dopo aver visto le principali differenze tra questi due mondi, avrete certamente intuito da soli che non esiste una prospettiva migliore dell’altra, ma ciascuno ha i propri aspetti e caratteristiche che lo contraddistinguono rispetto all’altro senza che uno possa ergersi a migliore dell’altro.

Il nostro consiglio come sempre è quello di provare i due sistemi in questione, farsi una propria idea e poi eventualmente decidere su quale dei due concentrare maggiormente le proprie energie tralasciando totalmente o solo in parte l’altro.

Categorie:Betting Exchange

Scrivi un commento

La tua email non verrà pubblicata
Campi richiesti indicati con **